STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE
“IL LIRI”

Registrato Uff. Entr. Avezzano il 12-4-2011 N.2142 serie 15

SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE

ART. 1
E’ costituita l’Associazione Politico-Culturale denominata “Il Liri”
ART. 2
L’Associazione ha sede legale in Canistro via Rio Sparto, n.15 ed ha durata a tempo indeterminato.
ART. 3
L’Associazione non ha fini di lucro. E’ vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale, durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposti dalla Legge.
ART. 4
L’Associazione Il Liri intende costituire un luogo di approfondimento, di elaborazione e di discussione dei problemi della Valle Roveto e di pubblicazione e divulgazione di studi e ricerche inerenti la Valle Roveto o anche di altre tematiche, ma realizzate da studiosi e ricercatori rovetani. Inoltre l’associazione si pone la finalità di favorire la partecipazione alla vita politica, sociale e culturale, soprattutto dei giovani, garantendo a tutti una libera partecipazione, indipendentemente dal credo politico e religioso e senza condizionamenti di sorta, se non quello di perseguire il bene e lo sviluppo della Valle Roveto. L’Associazione intende riaffermare il valore della politica come forma di partecipazione diretta e volontaria tesa all’interesse di tutti, che sappia essere strumento di crescita sociale oltre che di composizione e mediazione di esigenze ed attese dei cittadini. Per tali ragioni l’Associazione non ha fini politici di parte.
ART. 5
Alla luce delle finalità di cui all’art. 4 l’Associazione si pone come scopo statutario ed attività istituzionale di FAVORIRE:
la promozione di interventi nel campo della CULTURA finalizzati a valorizzare il patrimonio culturale della Valle Roveto e la promozione di manifestazioni culturali di alto livello in grado di rilanciare l’immagine complessiva della Valle Roveto e dei singoli comuni;salvaguardia e la valorizzazione dell’ingente patrimonio AMBIENTALE della Valle Roveto;promozione di interventi nel SOCIALE e nello SPORT, coinvolgendo attivamente le istituzioni, le famiglie e le tante realtà sociali ed associative che operano nei Comuni delle Valle ;diffusione dello Sport inteso come strumento di socializzazione e di crescita etica e civile di giovani, coinvolgendo attivamente le associazioni sportive che operano nei comuni della Valle Roveto;
lo sviluppo delle attività ECONOMICO-PRODUTTIVE attraverso la realizzazione di un organico Piano di Azione, articolato per aree di intervento ed elaborato con il concorso di tutti i “protagonisti” dello sviluppo locale;’INCONTRO-CONFRONTO tra i cittadini ed i responsabili istituzionali, ai diversi livelli, nonché l’interazione e lo scambio organizzato e sistematico tra le numerose associazioni che operano nella Valle Roveto; realizzazione di una Rivista, dal titolo “Il Liri” che funga da strumento di divulgazione delle attività dell’Associazione, palestra per i giovani e strumento di dibattito e partecipazione; costante COINVOLGIMENTO della POPOLAZIONE della VALLE e delle altre realtà associative nelle attività dell’Associazione attraverso originali forme di partecipazione che consentano a tutti di poter contribuire attivamente allo sviluppo della Valle;Pubblicazione di studi e ricerche inerenti la Valle Roveto, al fine di favorire l’approfondimento della Storia, della Cultura, dell’Economia, dell’Ambiente della Valle. Nonché pubblicazioni anche di altre tematiche ma realizzate da studiosi rovetani, al fine di valorizzare i “talenti” locali. Tali pubblicazioni verranno divulgate dalla stessa Associazione;CONOSCENZA e la DIFFUSIONE delle attività dell’Associazione facendo leva su tutti i Media della Comunicazione, attraverso l’organizzazione di convegni, seminari, spettacoli, riunioni di cittadini,tavole rotonde, assemblee, pubblicazioni, video, divulgazione pubblicitaria, ricerche, gruppi di lavoro, manifestazioni e, comunque tutto ciò che può essere utile alla diffusione delle idee e alla partecipazione, adottando tutte le necessarie opzioni per agire nel rispetto della normativa vigente e del presente Statuto sociale;realizzazione, soprattutto attraverso la costituzione interna di GRUPPI di LAVORO, di attività che consentano ai propri associati di apprendere, sviluppare, accrescere le proprie conoscenze culturali con l’obiettivo di favorire una cittadinanza attiva.

SOCI

ART 6
Possono far parte dell’Associazione tutti coloro i quali, condividendo le finalità del presente Statuto, intendono partecipare alle attività organizzate dall’Associazione per il raggiungimento delle stesse.
ART. 7
I soci fondatori dell’Associazione “Il Liri” sono quelli riportati nell’elenco allegato al presente Statuto.
ART. 8
Per essere ammessi a socio è necessario presentare al Consiglio Direttivo domanda di adesione all’Associazione – direttamente o via e.mail, tramite il modulo contenuto nel sito dell’Associazione, nella compilazione del quale occorre indicare nome e cognome, luogo e data di nascita, luogo di residenza, recapiti telefonici ed indirizzo e.mail.
ART. 9
I soci hanno diritto a ricevere all’atto dell’iscrizione, la tessera sociale, valida per un anno, di usufruire di tutte le strutture, dei servizi, delle attività, delle prestazioni attuate dall’Associazione, nonché di intervenire con diritto di voto nelle Assemblee.
ART. 10
I soci sono tenuti al pagamento della quota annuale di associazione, stabilita dal Consiglio Direttivo, ed all’osservanza dello Statuto e delle deliberazioni prese dagli organi sociali, ed al pagamento delle seguenti quote ordinarie e/o straordinarie ad integrazione del fondo sociale.

TIPOLOGIA DI SOCI, QUOTE E SCADENZE

Socio Onorario (facoltativa)
Socio Fondatore (una tantum) € 50,00

Socio Sostenitore (volontaria)
Socio Ordinario (annuale) € 10,00
Socio Familiare (annuale) € 5,00

ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

ART. 11
Gli organi dell’Associazione sono:

L’Assemblea dei Soci;Consiglio Direttivo;Presidente;Segretario; Tesoriere;
Il Collegio dei Revisori dei Conti.

ART. 12
L’Assemblea sovrana dei soci è composta da tutti gli associati per i quali sussiste tale qualifica al momento della convocazione. La convocazione della stessa deve essere effettuata tramite e.mail o sms, almeno cinque giorni prima della riunione, contenente i punti all’ordine del giorno, la data, l’ora ed il luogo dell’Assemblea, nonché la data, l’ora ed il luogo dell’eventuale Assemblea di seconda convocazione.
ART. 13
L’Assemblea deve essere convocata dal Presidente, almeno una volta all’anno. Essa, presieduta dal Presidente, svolge le seguenti funzioni:
approva e/o delibera le linee generali del programma di attività per l’anno sociale;e/o delibera il rendiconto economico finanziario annuale;i membri del Consiglio Direttivo;su tutte le questioni attinenti alla gestione sociale.
Le delibere assembleari, oltre ad essere debitamente trascritte nel libro verbale delle Assemblee dei soci, rimangono affisse nei locali dell’Associazione durante i dieci giorni che seguono l’Assemblea.
ART. 14
In prima convocazione l’Assemblea è regolarmente costituita con la presenza di almeno la metà più uno dei soci e delibera validamente a maggioranza assoluta dei presenti su tutte le questioni poste all’ordine del giorno, salvo i casi nei quali lo Statuto preveda espressamente maggioranze diverse.In seconda convocazione, l’Assemblea è regolarmente costituita qualunque sia il numero dei soci intervenuti, e delibera validamente a maggioranza assoluta dei presenti su tutte le questioni poste all’ordine del giorno, salvo i casi nei quali lo Statuto preveda espressamente maggioranze diverse.
ART. 15
Le votazioni possono avvenire per alzata di mano o a scrutinio segreto, quando ne faccia richiesta almeno un decimo dei presenti. Le votazioni avvengono sempre sulla base del principio del voto singolo di cui all’articolo 2352, secondo comma, del codice civile.
ART. 16
Il Consiglio Direttivo è composto da un numero minimo di sette (di norma, ma non necessariamente, uno per comune), eletti dall’Assemblea Ordinaria fra i soci. Resta in carica per tre anni ed è rieleggibile. In caso di dimissioni di un componente del Consiglio Direttivo, il nuovo membro viene eletto dall’Assemblea. Nella sua prima seduta, il Consiglio Direttivo elegge fra i suoi membri il Presidente, il Vice Presidente ed il Segretario nonché i responsabili dei gruppi di lavoro di cui all’art. 5, tenendo conto, nella scelta di quest’ultimi, delle competenze e delle esperienze maturate. Il Consiglio Direttivo si riunisce ogni qualvolta il Presidente o la maggioranza dei propri componenti lo ritengano necessario, ed è presieduto dal Presidente o, in sua assenza, dal Vice Presidente. Le riunioni sono valide con la presenza di almeno la metà dei componenti. Le deliberazioni si adottano a maggioranza semplice.
Inoltre, il Consiglio Direttivo:

redige i programmi di attività sociale previsti dallo Statuto sulla base delle linee approvate dall’Assemblea dei soci;l’esecuzione delle deliberazioni dell’Assemblea; il Rendiconti Economico e Finanziario (REF) da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea;tutti gli atti e i contratti di ogni genere inerenti all’attività sociale;l’ammontare delle quote annue associative e le modalità di versamento;tutte le altre attività necessarie e funzionali alla gestione sociale.

ART. 17
Al Presidente del Consiglio Direttivo compete la legale rappresentanza dell’Associazione e la firma sociale. Egli presiede e convoca l’Assemblea Ordinaria e il Consiglio Direttivo nonché sovrintende alla gestione amministrativa ed economica dell’Associazione. In caso di assenza o di impedimento del Presidente tutte le sue mansioni spettano al Vice Presidente.
ART. 18
Il Segretario viene nominato dal Consiglio Direttivo nella prima seduta fra i suoi membri e resta in carica tre anni ed è rieleggibile. Egli svolge le seguenti funzioni: cura il registro degli associati, verbalizza le riunioni dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo. Inoltre il Segretario, in stretta collaborazione con il Presidente cura anche la corrispondenza ordinaria e supporta il lavoro del presidente.
ART. 19
Il Tesoriere, viene nominato dal Consiglio Direttivo, nella prima seduta, fra i soci dell’Associazione che hanno comprovata esperienza a riguardo. Il Tesoriere resta in carica tre anni ed è rieleggibile. Egli svolge le seguenti funzioni: tiene aggiornata la contabilità, i registri contabili, si occupa degli incassi e dei pagamenti e supporta il Consiglio Direttivo nell’elaborazione del Rendiconto Economico Finanziario.
ART. 20
Il Collegio dei Revisori, formato da 3 membri effettivi e due supplenti, soci dell’Associazione ed eletti dall’Assemblea, controllla la gestione economico-finanziaria dell’Associazione e verifica che essa corrisponda ai fini sociali indicati nello statuto.

PROVENTI E PATRIMONIO DELL’ASSOCIAZIONE

ART. 21
Il fondo patrimoniale dell’Associazione è indivisibile ed è costituito:
dal patrimonio mobiliare ed immobiliare di proprietà dell’Associazione;tutti gli avanzi di gestione accantonati negli esercizi precedenti.
L’Associazione trarrà le proprie risorse finanziarie:

dalle quote associative, dai contributi, erogazioni e lasciti diversi;contributi annuali e straordinari degli associati;convenzioni con enti pubblici e/o privati;raccolte pubbliche occasionali di fondi mediante campagne di sensibilizzazionetutti gli altri proventi, anche di natura commerciale, eventualmente conseguiti dall’Associazione per il perseguimento o il supporto dell’attività istituzionale.
Il fondo comune non è ripartibile fra i Soci durante la vita dell’Associazione né all’atto del suo scioglimento. Durante la vita dell’Associazione è fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge.

Art. 22
La quota sociale o il contributo associativo, si intende intrasmissibile, salvo caso di morte, non è rivalutabile e non potrà in nessun caso essere rimborsato.
Art. 23
L’Associazione potrà usufruire di tutti i benefici fiscali previsti dalle vigenti normative.

RENDICONTO ECONOMICO FINANZIARIO

ART. 24
Il Rendiconto Economico Finanziario (REF) viene predisposto ogni anno dal Consiglio Direttivo. Dal REF devono risultare con chiarezza e precisione le entrate, i beni, i contributi, i lasciti ricevuti, le spese e gli oneri sostenuti. Il REF comprende l’esercizio sociale dal primo gennaio al trentuno dicembre di ogni anno e deve essere presentato dal Consiglio Direttivo all’Assemblea per la sua approvazione entro il trenta aprile dell’anno successivo e da questa approvato in sede di riunione ordinaria. Il rendiconto economico finanziario, oltre ad una sintetica descrizione della situazione economico-finanziaria dell’Associazione, con separata indicazione delle attività istituzionali poste in essere da quelle commerciali e/o produttive marginali, deve contenere una sintetica descrizione dei beni, contributi, lasciti ricevuti e del patrimonio dell’Associazione. Esso, regolarmente approvato dall’Assemblea ordinaria, oltre ad essere debitamente trascritto nel libro verbali delle Assemblee dei Soci, rimane affisso nei locali dell’Associazione durante i dieci giorni che seguono l’Assemblea.

SCIOGLIMENTO DELL’ASSOCIAZIONE

ART. 25
Lo scioglimento dell’Associazione deve essere deliberato dall’Assemblea dei Soci, con il voto favorevole di almeno due terzi dei soci presenti.
ART. 26
In caso di scioglimento, l’Assemblea provvede alla nomina di uno o più liquidatori, anche non soci, determinandone gli eventuali compensi. Il patrimonio residuo che risulterà dalla liquidazione è devoluto per fini di pubblica utilità conformi ai fini istituzioni dell’Associazione, sentito l’organismo di controllo di cui all’articolo 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, e salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

DISPOSIZIONI FINALI

ART. 27
Per tutto quanto non previsto espressamente dal presente Statuto si rimanda alla normativa vigente in materia.

ALLEGATO ALLO STATUTO

SOCI FONDATORI:

De Blasis Giovanni;
De Blasis Giuseppe;
De Blasis Zaccaria;
Di Battista Angelo;
Di Rocco Angelo,
Fontana Marino;
Giovarruscio Sandro;
Iaboni Giovanni;
Mariani Angelo;
Mariani Tiziano;
Mecozzi Giovanbattista;
Morelli Claudio;
Morelli Fausto;
Natalia Sergio;